LA NOSTRA BANCA

C’era la neve a Vestenanova, quel 12 dicembre del 1983, quando, alla presenza degli oltre 200 Soci fondatori, aprì il suo primo sportello la Cassa Rurale ed Artigiana di Vestenanova. La neve caduta in quei giorni fu interpretata come buon auspicio per la nuova Cooperativa, che nasceva in una zona dove gli istituti di credito veronesi non avevano ritenuto opportuno insidiare una propria agenzia. Troppo povera la zona, avevano lasciato intendere le banche interpellate, troppo il tempo previsto per raggiungere il break even point. Non così la pensava il cavalier Antonio Dal Dosso, agricoltore di poche parole, ma dalle idee molto chiare: Vestenanova doveva avere la propria banca, anzi la propria Cassa Rurale. Una banca che rispecchiasse il carattere dei residenti: gestione semplice e chiara, espansione graduale e costante.

Con la collaborazione del giovane Direttore Generale Lelio Bogoni, il Consiglio di amministrazione iniziò allora a costruire relazioni stabili e proficue con i piccoli imprenditori, gli agricoltori, le famiglie del territorio. La diffusione sul territorio ha seguito le linee guida insite nel DNA della banca: piccoli passi, cadenzati, com’è nello stile della gente di collina: nel 1993 è stato aperto lo sportello di Chiampo, comune in provincia di Vicenza, ma limitrofo a Vestenanova. Poi Tregnago nel 1996, Illasi nel 1998 e così via, fino all’apertura del decimo sportelli in comune di Villafranca di Verona nel settembre del 2007.

Nel salutare gli ospiti intervenuti all’ultima Festa del Socio, nel dicembre scorso, l’allora Presidente Augusto Rossetto, che guidava la banca dal 2000, aveva messo bene in risalto le peculiarità che fanno della “Vestenanova” la banca della piccola – media impresa e della famiglia, sottolineando agli astanti che, nel Veneto, questa è una delle banche di Credito Cooperativo con la più alta percentuale di inserimento nel settore delle Famiglie Consumatrici ed il più basso importo medio degli affidamenti concessi al singolo cliente.

Niente sorprese quindi e nessun avventurismo, ma crescita programmata ed un patrimonio che, di anno in anno, si rafforza grazie ad un utile di bilancio in costante aumento.

Ora si guarda al futuro, un futuro di cooperazione dove anche la famiglia, il piccolo imprenditore, il giovane, possano avere la possibilità di accedere al credito secondo le proprie esigenze, senza il timore di incorrere in avventure foriere, qualche volta, di cattive sorprese. Soprattutto un futuro dove il Socio della Cassa Rurale si senta partecipe di un grande movimento solidaristico che “…si ispira ai principi cooperativi della mutualità senza fini di speculazione privata” (art. 2 dello Statuto Sociale).

Con questo spirito di servizio, la Cassa Rurale di Vestenanova vuole essere vicina al proprio territorio, simbolo della tenacia e della laboriosità della gente che abita e lavora in Lessinia.